XIV. Il Grande Sogno

Il Sogno non è un nostro desiderio.
Agli Spiriti non importa nulla di sapere quali siano i tuoi desideri, tanto meno si sforzano di scoprirli.
Il Sogno è qualcosa dato dal popolo delle stelle come “terrirorio“ – compito – destino di ciascuno .
Il Sogno è “assumere“, occupare il nostro posto nell’Universo e avere il nostro posto è l’unica cosa che può dare senso alla nostra vita.
Ciò dovrebbe renderci felici, se diventiamo saggi. Ma non è detto sia così: molti di noi sono stupidi e desiderano essere ciò che non è dato siano.

Sogno di Costantino

Piero della Francesca. "Sogno di Costantino", anni 1458-1466, affresco, 329 x 190 cm

Abbiamo uno scopo nella nostra vita?

La tua vita ha uno scopo se tu lo cerchi. Se non cerchi niente, non c’è nulla, probabilmente. Puoi vivere tutta la tua vita semplicemente per avere il necessario per mangiare, per coprirti, per ripararti e per procurarti le cose veramente importanti come l’ultimo cellulare, la vacanza nelle isole tropicali e qualunque altra cosa di moda che ti viene detto che è assolutamente fondamentale per l’esistenza. E puoi vivere tutta la vita così.
Se tu cerchi uno scopo nella vita, tu lo chiedi agli Spiriti e fai una ricerca della visione o un altro rito, e allora Spiriti ti danno una strada. Da quel momento hai uno scopo, se no non ce l’hai. Non c’è uno scopo che viene a bussare alla tua porta.

Tuttavia ci sono persone che si trovano in nodi particolari dell’Universo, attraverso cui del Potere speciale dovrebbe passare, ed allora queste persone vengono chiamate a uno scopo. È come chi viene chiamato a diventare sciamano, o chi riceve a una chiamata religiosa: questo è proprio dovuto al fatto che quella persona si trova in una posizione particolare nella rete dell’Universo; ma non tutti i punti sono così rilevanti, soltanto qualcuno. Non è che tu hai un merito se vieni chiamato, è che ti trovi in quel punto, sei nato a quell’ora, in quel giorno, in quel posto.
Ma anche così, se tu non vuoi avere uno scopo, il Potere troverà qualcun altro attraverso cui passare, uno vicino. A volte però Potere molto forte, che tu rifiuti e ti sfiora, ti può distruggere la vita se tu non lo accetti. Per questo in tradizione antica si dice che se tu sei chiamato a diventare sciamano e non accetti la chiamata, impazzisci o muori. Non è sempre così, è anche possibile che tu riesca a sfuggire al fulmine che passa: ti prendi solo una strisciata, una piccola ustione, e poi continui tua vita tranquilla.

Quindi, esclusi coloro che si trovano in punti particolari che vengono “cercati” dagli Spiriti, normalmente tu hai uno scopo soltanto se vai a cercarlo, e allora gli Spiriti te lo daranno. E lo scopo che ti danno non è comunque quello che piace a te. È quello che ha più senso in base al punto in cui sei nell’Universo.
C’è molta gente che viene da me a fare la ricerca dell’Arutam perché in realtà vuole uno scopo nella vita, un senso, però ha già un’idea in testa, tipo “io vorrei essere uno scrittore”. Ma non è che ti arriva l’Arutam e ti fa diventare scrittore. Magari l’Arutam arriva e vuole farti diventare cuoco, per esempio. Se tu cerchi uno scopo, te ne viene dato uno, ma non è quello che cerchi tu, usualmente. In realtà è quello che cerchi tu soltanto quando tu sei già sintonizzato, cioè senti lo Spirito del Tempo, senti quello che potresti fare nella posizione in cui ti trovi, e allora ti manca soltanto il Potere per farlo. Ma la maggior parte delle persone è “sintonizzata male”, “su un canale sbagliato”. “Non sente bene”, e quindi vuole fare lo scrittore, ma dovrebbe fare il cuoco. O vuole fare l’agricoltore, mentre invece dovrebbe fare il medico.
Quindi il Sogno arriva dagli Spiriti – Sciamani lo chiamano Grande Sogno, più che scopo – la persona a volte non lo accetta, o cerca di manipolarlo nella maniera che vorrebbe. E dice: “in visione c’era un cappello da cuoco, ma… non era un cappello da cuoco, era il tocco della laurea ad honorem quando sarò un grande scrittore”. Cerca di manipolare quello che gli hanno detto gli Spiriti.

Che succede se una persona non segue il proprio Sogno, e di contro cosa succede se lo realizza?

Se segui il Grande Sogno, questo porterà sempre frutto. Solo che porta frutto prima o poi, ma non è detto che ti porti successo. Il tuo Sogno può essere quello di diventare un grande pittore, ma le tue opere essere riconosciute fra cento anni. Il tempo nell’Altra Realtà ha uno scarso significato, e quindi il tuo Sogno se tu lo persegui avrà certamente frutto, ma non è detto che ti porti successo personale.
Se tu non lo segui, continuerai tua vita senza scopo. Se ne segui invece un altro che non ti è stato dato, non porterà frutto, quindi tu consumerai molta energia senza avere risultati. Avevo uno zio che voleva fare l’architetto, ma Spiriti non gli avevano dato nessun talento per l’architettura. Però lui voleva farlo, probabilmente per ribellarsi alla famiglia che lo voleva medico, e probabilmente per ammirazione verso il marito di una parente che era architetto, ed era persona affascinante e famosa. E quindi ha voluto fare architetto, però non era Sogno dato dagli Spiriti, quindi si è laureato quasi a quarant’anni, perché non riusciva neanche a prendere la laurea in architettura. Ma poi dopo non ha concluso niente, non ha neanche progettato una casa in vita sua. Ha fatto qualche arredamento, qualche ristrutturazione, e sostanzialmente ha fatto l’insegnante di educazione tecnica alle scuole medie. Però si era impegnato molto, ha impiegato tantissime energie in questo, ma non dava frutto.
Se non è il Sogno dato dagli Spiriti, non darà frutto. Non c’è niente da fare. Perché? Semplicemente perché sei sul posto sbagliato. È come se tu volessi coltivare pomodori sull’Himalaya. Lì non puoi farlo, ma tu sei fissato che puoi. E Spiriti dicono: “ma tu sei sull’Himalaya, devi allevare gli yak!”. E tu dici, invece: “Gli yak mi fanno schifo, a me piacciono i pomodori”. Ma non c’è niente da fare, non cresceranno pomodori sull’Himalaya.

Quanto è importante ricevere un Grande Sogno in questo momento di crisi della nostra civiltà?

In questo periodo particolare ci sono dei Sogni collettivi che dovrebbero emergere. Persone vengono chiamate ad andare in una direzione diversa ed a gettare semi di una nuova civiltà, e quindi molti Sogni possono essere legati a questo. Però sarebbe cosa buona se le persone ne diventassero consapevoli e collaborassero tra di loro. Sono necessari dei movimenti di pensiero che vadano in una direzione diversa, che cerchino di vedere la vita in modo diverso. Ed anche se non possono realizzare una vita diversa in questa civiltà, possono gettare dei semi per quella che verrà. Realizzare piccole cose che poi sono un segno per quando ci sarà un cambiamento più grosso. Ed in questo i Sogni dati dagli Spiriti attraverso rituali sciamanici possono essere molto importanti, yo creo.

Así es.

[Alcune ulteriori riflessioni si possono trovare qui e qui.]